Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione.

Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Visualizza l'informativa estesa

Accetto

Vivi Firenze

Programma il tuo soggiorno a Firenze e scopri tutti i luoghi e i servizi!

dove dormire Dove dormire
dove mangiare Dove mangiare
shopping Shopping
luoghi di interesse Luoghi di interesse
servizi e utilita Servizi e utilità
cosa fare Cosa fare
eventi Eventi
aree protette Aree protette
esercizi storici Attività storiche

Dal 26 settembre a Palazzo Strozzi un’ampia retrospettiva dedicata a Natalja Gončarova, straordinaria artista russa del Novecento.

Nata in Russia, Tula, nel 1881 e morta a Parigi nel 1962, Natal’ja Gončarova è stata un'artista di grande fama, protagonista dell’avanguardismo russo.      nataliaSMALL
L’esposizione di Palazzo Strozzi traccia attraverso una serie di opere fondamentali il suo lungo percorso, ed è arricchita da dipinti di altri artisti (Paul Gauguin, Henri Matisse, Pablo Picasso e Umberto Boccioni) con i quali la Gončarova ebbe modo di confrontarsi. Tra le 130 opere, provenienti dalle collezioni dei più prestigiosi musei internazionali, spiccano suoi capolavori come l’Autoritratto con gigli gialli (1908), il polittico della Mietitura (1911) e degli Apostoli,  i suoi celebri dipinti di nudi. Un'altra sezione, attraverso fotografie d’epoca e video, introduce al suo mondo ed alla sua epoca.

Natal’ja è stata una figura femminile poliedrica ed eccentrica - non solo pittrice ma anche stilista, costumista, attrice cinematografica, ballerina - che sfidò in più casi la morale pubblica con la sua arte (fu processata per aver esposto dipinti raffiguranti nudi femminili) che con le sue scelte di vita anticonformiste. Ebbe un ruolo fondamentale nello sviluppo della pittura russa ed europea - creando un ponte ideale tra Oriente e Occidente, tra tradizione ed innovazione -  anche grazie alle numerose mostre delle quali fu attivissima organizzatrice

La sua arte attraversò varie fasi: dall’Impressionismo al Neoprimitivismo, dal Fauvismo al Futurismo, al Raggismo. Di quest’ultimo movimento (caratterizzato da raffigurazioni animate da raggi di luce proiettati in molteplici direzioni) fu autentica protagonista, in dialogo - perquanto contraddittorio - anche con il Futurismo italiano. Particolarmente ricorrenti, soprattutto nella prima fase, sono i soggetti legati alle tradizioni popolari, alla vita contadina del popolo russo, alle antiche icone religiose... il tutto però riletto in chiave contemporanea.
Dopo essersi trasferita come esule a Parigi nel 1914 partecipò ad importanti collettive nelle principali città europee, continuando a collaborare col celebre impresario russo Diagilev per i cui balletti disegnò numerosi costumi e scenografie teatrali. Nell’ultimo periodo, infine, si dedicò soprattutto all’illustrazione di libri.

Una grande mostra prodotta e organizzata da Palazzo Strozzi in collaborazione con la Tate Modern di Londra. Per maggiori informazioni consulta il sito di Palazzo Strozzi

Natalja Gončarova Una donna e le avanguardie, tra Gauguin, Matisse e Picasso
Palazzo Strozzi, 26 Settembre-12 Gennaio

Pubblicato il 20/9/2019

Approfondisci su mappa


Aree naturali protette Aree naturali protette
Cosa fare Cosa fare
Dove dormire Dove dormire
Dove mangiare Dove mangiare
Esercizi storici Esercizi storici
Eventi Eventi
Luoghi di interesse Luoghi di interesse
Servizi e utilità Servizi e utilità
Shopping Shopping