Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione.

Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Visualizza l'informativa estesa

Accetto

fbtwytin

Scegli lingua:

calenzano

La casa-studio è quella di Sauro Cavallini, scultore morto nell'estate 2016. Sulla collina di Fiesole, fra olivi e alberi antichi, le oltre 300 sculture restano a testimoniare la parabola artistica di Cavallini.

 

Autoritratto CavalliniDa febbraio lo studio sarà aperto (su appuntamento) alle visite di chiunque voglia conoscere più da vicino la forza creativa dell'artista, nato nel 1927 a La Spezia ma attivo a Firenze fino dalla fine degli anni '50. In città sono diverse le sue opere, posizionate strategicamente nel Giardino del Palazzo degli Affari nel Polo Congressuale, nel giardino di piazza Ferrucci, nel giardino antistante la sede RAI, a Villa Favard e presso la Basilica di san Miniato al Monte.

La sua opera più conosciuta a livello internazionale comunque è il Monumento alla Vita, un bronzo di 3 metri di altezza posizionato davanti al Palazzo del Consiglio d'Europa a Strasburgo.

Cavallini ha lavorato soprattutto a opere scultoree: molte di queste sono collocate nel parco della sua casa, mentre all'interno della villa si trovano sia i bronzetti che le numerose opere di grafica, il lavoro dei suoi ultimi anni, trascorsi in interno per via dei problemi di salute. Le numerose opere realizzate sono a colori e documentano la totalità dei suoi lavori.

Cavallini ha partecipato attivamente sulla scena culturale italiana dal dopoguerra in poi; interessantie il recente ritrovamento da parte dei figli di articoli di giornale "d'epoca" che testimoniano il suo impegno generoso e tecnicamente valido a partire dal novembre 1966, quando nei giorni del dopo alluvione i giovani si lanciarono nell'opera di volontariato per soccorrere Firenze e il suo patrimonio artistico.

Sauro Cavallini, artista allora quasi quarantenne, dedicò mesi alla ripulitura delle opere scultoree macchiate e sfregiate dall'acqua prima al Museo del Bargello e poi alla Basilica di santa Croce, sperimentando tecniche innovative.

Il Centro Studi Cavallini aprirà al pubblico ogni prima e terza domenica del mese dalle 14:30 alle 18:30; è richiesta la prenotazione.

Per informazioni e prenotazioni:
Centro Studi Cavallini tel. +39 3357877373 oppure www.saurocavallini.it

 

 

 

 

Pubblicato il 18/1/2017

Approfondisci su mappa


Aree naturali protette Aree naturali protette
Cosa fare Cosa fare
Dove dormire Dove dormire
Dove mangiare Dove mangiare
Esercizi storici Esercizi storici
Eventi Eventi
Luoghi di interesse Luoghi di interesse
Servizi e utilità Servizi e utilità
Shopping Shopping