Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione.

Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Visualizza l'informativa estesa

Accetto

fbtwytin

Scegli lingua:

leonardo

I "nuovi" spazi del complesso di Santa Maria Novella che sono stati restituiti alla città sono entrati stabilmente a far parte del percorso museale.

lunetta-cappella-del-Papa

Finora il percorso di visita includeva la Basilica, di proprietà del Fondo Edifici di Culto del Ministero dell’Interno e in gestione all'Opera per Santa Maria Novella, e gli ambienti del convento adibiti a Museo civico ovvero il Chiostrino dei Morti, il Chiostro Verde, il Cappellone degli Spagnoli, la Cappella degli Ubriachi e il Refettorio.

L'apertura di questi nuovi spazi dona nuovamente coerenza e unitarietà agli immensi spazi del convento domenicano – fra i più importanti insediamenti degli ordini mendicanti a Firenze, insieme a quello francescano di Santa Croce – ricondotti a un unico museo.

Sono visitabili il magnifico Chiostro Grande, il suggestivo Dormitorio settentrionale nonché, nei fine settimana a partire dal 22 aprile 2017, la Cappella del Papa, fruibile nell’ambito delle visite guidate organizzate dall’Associazione Mus.e.

Si resta senza parole davanti all’immensità del trecentesco Chiostro Grande, effettivamente il più ampio di Firenze, con le sue 56 arcate affrescate (Episodi della Vita Cristo, di San Domenico e Santi Domenicani) dai migliori pittori fiorentini a cavallo fra Cinquecento e Seicento fra i quali Alessandro Allori, Santi di Tito, Ludovico Cigoli e Bernardino Poccetti; in buona parte gli stessi che operarono anche nello studiolo di Francesco I in Palazzo Vecchio. Nel Settecento il chiostro fu restaurato, creando l’ampio prato e chiudendo il pozzo centrale, dove venne originariamente collocata la statua del Fondatore del Convento, Frà Giovanni da Salerno, opera del Ticciati.

L’antico Dormitorio sul lato settentrionale del Chiostro, sempre dei primi del Trecento, è uno spazio di grande suggestione, caratterizzato com’è dalla selva di agili pilastri che sostengono una fitta trama di volte a crociera, in parte recanti tracce di primitivi affreschi. L’attuale assetto è frutto, però, di un adattamento realizzato in passato, quando vennero abbattuti i muri che separavano le varie cellette, per far spazio ai nuovi ambienti della mensa dei Carabinieri.
Lo stile architettonico è lo stesso della vicina, antica Foresteria, dove attualmente si trova l'infopoint turistico.

Al piano superiore del Chiostro si trova la Cappella dei Papi (o di Leone X), quel che resta degli antichi Appartamenti Papali. Nel 1419 Lorenzo Ghiberti fu incaricato dalla Repubblica Fiorentina di predisporre dei sontuosi ambienti per poter accogliere di volta in volta i Pontefici in visita a Firenze; Martino V (al quale si deve la consacrazione definitiva di Santa Maria Novella), Eugenio IV (lo stesso del Concilio di Firenze del 1439), Leone X (il primo Papa mediceo) furono solo alcuni dei Papi che vi soggiornarono. Nell’occasione della solenne visita di quest’ultimo (1515) si decise di decorare la nuova cappella: a Ridolfo del Ghirlandaio, autore dell’Incoronazione della Vergine, succedette il giovane Jacopo Carucci, detto il Pontormo, cui si deve - oltre alle grottesche affrescate sulla volta – la splendida Veronica. La maestosa figura, inginocchiata al di sotto di un baldacchino di raffaellesca memoria, mostra l’icona (il nome Veronica deriverebbe dal termine “vera-icona”): il tessuto di lino sul quale è impresso il volto di Cristo. I colori cangianti e squillanti di questo capolavoro giovanile del Pontormo sono gli stessi del Tondo Doni di Michelangelo, vero e proprio manifesto del primo Manierismo.

Informazioni e prenotazioni: da lunedì a sabato h 9.30-13.00 e h14.00-17.00. ph +39 0552768224, +39 0552768558 E-mail: info@muse.comune.fi.it

 

 


 

Pubblicato il 17/4/2017

Approfondisci su mappa


Aree naturali protette Aree naturali protette
Cosa fare Cosa fare
Dove dormire Dove dormire
Dove mangiare Dove mangiare
Esercizi storici Esercizi storici
Eventi Eventi
Luoghi di interesse Luoghi di interesse
Servizi e utilità Servizi e utilità
Shopping Shopping