Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione.

Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Visualizza l'informativa estesa

Accetto

fbtwytin

Scegli lingua:

ytalia

Pochi mesi dopo aver ospitato la mostra di John Currin, il Museo Stefano Bardini apre le porte ad un altro grande artista contemporaneo, il britannico Glenn Brown.

Lo splendido Museo Stefano Bardini – che contiene capolavori dell’arte medievale e rinascimentale tra cui opere di Donatello, Pollaiolo, Tino di Camaino, Tiepolo brownsmalleste Piazzetta – ospita fino al 23 ottobre una mostra dedicata ad uno dei protagonisti del panorama artistico contemporaneo.

Glenn Brown, nato a Hexham (Inghilterra) e residente a Londra, si è affermato grazie ad uno stile assolutamente unico: le sue creazioni sono il frutto di una rivisitazione in chiave contemporanea di opere del passato; opere - o dettagli di opere – che, una volta sottoposte ad un attento processo di studio e rielaborazione da parte dell’artista, rivivono di vita autonoma, cariche di una nuova, esuberante vivacità. Un’alchimia che riesce a coniugare vari correnti artistiche (dal Rinascimento al Surrealismo all’Impressionismo) in un corto circuito di forte impatto, un mix esplosivo spesso ricco di accese contraddizioni. Le opere di importanti artisti (Guido Reni, Velazquez, Van Dyck, Rembrandt, Delacroix, Courbet, Renoir, Van Gogh, Dalì) subiscono, così, incredibili metamorfosi attraverso mutazioni nel colore, nell’orientamento, nei rapporti proporzionali, da diventare quasi irriconoscibili… immagini che ritornano come rifrazioni distorte, in certi gasi grottesche, attraverso i secoli. Soprattutto in una serie di ritratti l'ascendente di Francis Bacon è innegabile. 

Proprio in virtù di questa peculiarità lo spazio espositivo del Museo Bardini - dove le sue opere dialogano con quelle della collezione del celebre antiquario fiorentino Stefano Bardini– sembra particolarmente appropriato.

Fra sculture, dipinti e disegni dell'artista, sono circa trenta le opere - alcune delle quali inedite - presenti in questa mostra curata da Sergio Risaliti e Antonella Nesi,, promossa dal Comune di Firenze con la collaborazione dell’Associazione Mus.e.

Museo Stefano Bardini
10 Giugno - 23 Ottobre

 

Pubblicato il 14/6/2017

Approfondisci su mappa


Aree naturali protette Aree naturali protette
Cosa fare Cosa fare
Dove dormire Dove dormire
Dove mangiare Dove mangiare
Esercizi storici Esercizi storici
Eventi Eventi
Luoghi di interesse Luoghi di interesse
Servizi e utilità Servizi e utilità
Shopping Shopping