Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione.

Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Visualizza l'informativa estesa

Accetto

fbtwytin

Scegli lingua:

teatro dellopera

Nuova vita per il Complesso di San Firenze, un tempo Tribunale della città e ora prestigiosa sede del Centro Franco Zeffirelli: Fondazione, scuola, museo e sede di eventi culturali.

Franco Zeffirelli è originario di Firenze, dove nacque nel 1923. Il  Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo Franco Zeffirelli, promosso da questo zeffirelliSMALLfamosissimo fiorentino, accoglie e mette a disposizione della città un patrimonio artistico e culturale senza uguali.

Il Museo, nella centralissima Piazza San Firenze, ospita oltre 250 opere del regista, tra bozzetti di scena, video, disegni, costumi. Il percorso espositivo al primo piano – suddiviso cronologicamente in teatro di prosa, opera in musica e cinema – illustra per temi e autori gli sviluppi degli allestimenti teatrali e delle produzioni cinematografiche che, corredati dalle foto di scena, esemplificano le tappe principali della parabola artistica di Zeffirelli. Di grande impatto è la suggestiva Sala dedicata a"Zeffirelli's Inferno": una trasposizione cinematografica della Divina Commedia che purtroppo, per motivi legati alla produzione, non fu mai realizzata; grazie però alla magia delle tecnologie moderne, questo sogno incompiuto prende forma attraverso un filmato, con animazioni in 3D dei bozzetti del Maestro.

Luchino Visconti, Richard Burton, Liz Taylor, Maria Callas, Placido Domingo, Laurence Olivier, Carlos Kleiber, Herbert von Karajan, Anna Magnani, Vanessa Redgrave, Glenn Close, Mel Gibson... è davvero infinito l'elenco dei grandi nomi con i quali Franco Zeffirelli ha lavorato e, in molti casi, stretto amicizie. Un viaggio, quindi, durato 70 anni di carriera, attraverso la storia dello spettacolo del Novecento, nel mondo delle regie di opere liriche e prosa classica,  con incursioni di grande successo internazionale anche in campo cinematografico e televisivo. Nel nostro immaginario colletitivo resteranno sempre tanti suoi film (Fratello sole sorella luna, Gesù di Nazareth, Jan Eyre, Un tè con Mussolini, Callas forever), le sue trasposizioni cinemtagografiche sia di capolavori shakesperiani (La bisbetica domata, Romeo e Giulietta, Amleto), che di opere verdiane (Otello, Traviata) nonché del Verismo italiano (Cavalleria rusticana, Pagliacci).  

In buona sostanza Zeffirelli è da considerarsi fra i regista italiani più acclamati nel panorama artistico internazionale.

Il Centro, dalle sfaccettature diverse, custodisce un'infinità di tesori (compresa la biblioteca personale del Maestro con oltre diecimila pubblicazioni), raccolti in una vita artistica costellata da innumerevoli successi. Si pone come luogo della formazione nelle professioni dello spettacolo, e come centro di eventi.

Nella monumentale Sala della musica, parte dal 14 novembre 2017 un ciclo di concerti, conferenze, proiezioni, di grande interesse. Ecco il programma delle prossime conferenze, tutte a ingresso libero, con inizio alle ore 18:

14/11 "Il Complesso monumentale di San Firenze", a cura di Francesco Gurrieri
21/11 e 12/12 "Franco Zeffirelli e l'Opera in musica", a cura di Luciano Alberti
9 e 23/1, 6 e 20/2 "Franco Zeffirelli e William Shakespeare", a cura di Masolino d'Amico

Nell'ambito di Strings City, Sabato 2 dicembre alle 12 nella Sala Inferno del Museo è in programma il concerto “Inferno dentro” con Naomi Berril al violoncello e voce, con musiche di Nina Simone, Nick Drake e Billie Holiday

La stagione concertistica, che vedrà la collaborazione con le principali istituzioni musicali di Firenze, inizierà il 6 Dicembre, con i Giovan i Artisti dell'Accademia del Maggio Musicale Fiorentino che si esibiranno in Arie e duetti tratti da opere particolarmente amate dal Maestro: La Traviata, La Bohème, Pagliaci, Don Carlo e il Trovatore. Le serate musicali successive si terranno il 19/1, il 9/2, il 16/3. Tutti i concerti, a pagamento (€ 10, ridotti 7), avranno inizio alle ore 21.

Dal 18 novembre al 15 gennaio, sempre all'interno del complesso di San Firenze, si terrà la mostra "Enrico Baj: le macchine del tempo", sculture e collage realizzati durante l'ultimo decennio di attività dell'artista, che è stato uno dei protagonisti del secondo Novecento.

Per il calendario completo delle attività, e per maggiori informazioni sul Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo Franco Zeffirelli consulta il sito 

 

 

 

 


Pubblicato il 8/11/2017

Approfondisci su mappa


Aree naturali protette Aree naturali protette
Cosa fare Cosa fare
Dove dormire Dove dormire
Dove mangiare Dove mangiare
Esercizi storici Esercizi storici
Eventi Eventi
Luoghi di interesse Luoghi di interesse
Servizi e utilità Servizi e utilità
Shopping Shopping